Soffia ai minatori: Bitcoin per vedere il più grande aggiustamento di difficoltà dal 2018 come razzi hash rate

Questa notizia di Exchange News vi è stata portata da OKCoin, il nostro partner di Exchange preferito.

Il dimezzamento di Bitcoin

Il dimezzamento di Bitcoin, avvenuto a maggio, ha inferto un duro colpo alla redditività dei minatori, causando la chiusura di molte piccole operazioni a causa della riduzione del 50% dei premi di blocco che si è verificata a seguito di questo evento.

Naturalmente, il tasso di hashish di BTC ha iniziato a scendere subito dopo l’evento – che è stato un sottoprodotto anticipato del dimezzamento.

Alcuni analisti avevano temuto che i minatori della criptovaluta potessero trovarsi intrappolati in una cosiddetta „spirale della morte“ a causa della capitolazione di massa, ma un rapido aumento delle commissioni di transazione ha contribuito a rallentare il calo del tasso di hashish.

I terahashes al secondo (TH/s) elaborati dalla rete Bitcoin System hanno successivamente iniziato a rimbalzare, perpetuandosi con due massicci aggiustamenti negativi di difficoltà, che hanno permesso al suo tasso di hashish di avvicinarsi rapidamente ai suoi massimi pre-halving.

Detto questo, un imminente aggiustamento positivo della difficoltà dovrebbe innescare un altro potenziale slittamento dell’hash rate – colpendo i minatori in difficoltà.

 

L’attuale tasso di hashish di Bitcoin farà scattare un aggiustamento positivo del 15% della difficoltà di estrazione in due giorni

Questo segna una massiccia salita

Attualmente, il tasso di hashish di Bitcoin è di circa 116m TH/s. Questo segna una massiccia salita dalla recente caduta che l’ha fatto scendere a 90.4m TH/s a fine maggio come risultato della scivolata post-salita‘.

Il rimbalzo da questi minimi è stato perpetuato dagli aggiustamenti negativi di difficoltà visti all’inizio di questo mese.

CryptoSlate ha riferito all’epoca che l’aggiustamento visto il 5 giugno è stato il settimo più grande negativo nella storia della Bitcoin.

Ha quasi istantaneamente causato un’immersione delle spese di transazione e ha contribuito ad alimentare la recente tendenza al rialzo del tasso di hashish.

L’analista dei dati Phillip Swift ne aveva parlato all’epoca, spiegando che è „significativo“ e dovrebbe fornire una spinta importante ai minatori.

„Questo è significativo“. Dovrebbe fornire una spinta positiva ai minatori che hanno superato il dimezzamento“.

In soli due giorni, la Bitcoin subirà l’ennesimo aggiustamento di difficoltà mineraria, e i dati suggeriscono che potrebbe essere il più grande visto dal cripto in oltre due anni.

Secondo un recente post della Coin Metrics, si stima che questo aggiustamento renderà il 15 per cento più difficile estrarre la BTC. Si nota anche che questo sarà il primo aumento di difficoltà visto da quando il dimezzamento è avvenuto a maggio.

„All’attuale tasso di hashish della Bitcoin, il prossimo aggiustamento di difficoltà, in ~2 giorni, potrebbe essere il più grande dal gennaio 2018, con un aumento stimato di ~15%… Questo è anche il primo aumento di difficoltà dal dimezzamento della Bitcoin…“.

Questo avrà sicuramente un impatto negativo sul tasso di hashish di Bitcoin, che probabilmente diminuirà nelle prossime settimane.

Kommentare sind deaktiviert.